TRANSLAGORAI o meio...un tochet piciol!

 

Scrive M il 21 luglio 2010:

Senti, me piaseria riproporte naltra volta un ziret con pernottament en tenda. Vist che ades la Malta te la ghai sodisfada e anca stufada e
brasada, dovaria conzederte un po' de moviment.
Fasessimo do tappe della TransLagorai, da Passo Manghen al Rif Cauriol? Pernotto ai laghetti di Lagorai con la tenda (acqua per lavarse e per
ber presente
). L' el trat che me manca, e do giorni no i se trop fadigosi. Fame saver, e non dir che non te si lenao, che te vieni da 3 settimane
de alenament in altura. Mi son nd solo vers l'Adamel, e te assiguro che gho ancora le gambe che le me fa mal, ma in qualche mod me son fat 1800
metri de dislivel in do d con zainon dedrio. Prima che qualche disgrassia la me costringa col cateter in un ospedl.

 

 

Replica R

Vec stralumpon!!!
Ieri con scarabeo gaven tac el Mangheno!!
Dovria rivarte na cartolina de testimonianza e testament. A proposit l' rivada quella de Frisanco e Poffabro da non confonder coi personaggi de
Oltrisarc? Anca se dalla salida del Pas son uss vivo in do ore con soli 750km de allenament orizzontal go qualche parte del corp colp da trombos seca e vago
in ziro ancheggiando come n'imbriagon.
I sentieri Friulani i ga fat el rest, li studia giusti per copar i pochi escursionisti de quele valli. Te gai present i zig zag dei sentieri nostrani ? Non li conosce!

I vede un torrent, bon salin de la, un bel giaron in cui te fai un pas in s e sette in z.....

I li f per studiar meio la dinamica delle frane e dei giaroni che da ste parti i propi i paroni.

Per i tre d del Lagorai se po far..

 

 

Scrive M il 22 luglio 2010:

Cartoline no le se rivade ancora..mi speto..te ghai spedio chi a Bulagna, ver?
Per vegner su...posso quand vojo diria ades. Basta che el temp el tegna ben e mi vegno.
Se podaria meter el campero a Molina, ma devo trovar nautobus che ne porta al Mangheno e un che ne riporta dal Cauriol.
Ozi ghe vardo, prima che el temp me passa trop veloze...
Te fago saver..basi.

 

Scrive R

Me vegn in mente che se podaria lassar la macchina dale parti de Ziano e con el campero tornar indrio e nar su per un tochet (7km) della val Cadin e
abbandonarlo l al so destin fin quando tornem a ciaparlo.....i 5km fin al Manghen se po farli a p e piantar la tenda sul lago delle Buse e provar
a pescar storioni de montagna!

 

Replica M

Ghe penso. I giorni in tenda i sale a doi per.....

 

E alla fine semo partidi in compagnia anca del prode Patauno il giorno zobia 29 luglio 2010. Tempo umid tendent per al belo. Ecco l'itinerario del nostro Translagorai, disemo subit men de quel preventivao che le intenzion non le corrispond quasi mai ai fatti. Ma nem con calma.

 


 

Gaven lass l'auto sora Ziano e col campero semo tornai indrio fin al Pont delle Stue per passar la notte insonne causa fonghi non ben identificadi raccolti dall'espert micologico M.

L' le nof del matin de venere 30 luio la foto che segue:

 

Tendisti specie quasi estinta

 

La documenta lo stato stazionario de 2 dei 3 protagonisti. Da intenderse che l'uno ga problemi dappertut e l'altro pezo. Da parte mia gavevo a testimonianza de eventuali defaianse l'ernia dolorante de marzo, ragion per la quale non podevo caricarme lo zaino come quei 2 l che i sta in p per grazia ricevua dal Sacro Mont de Varallo de cui non i saveva ancora l'esistenza.

El primo obiettiv de quel radioso matin l'era de salir al Mangheno dove Patauno notoriament vorace el gaveria magn a saziet p che altro per metterse al riparo dai digiuni futuri della gita appena iniziada. E cos fu fat.

Dopo magna go perlustr el pass, alla rizerca del temp perd non so dove; son torn coi p per terra sol fotografando i fiorellini sicurament p bei de quei do masci:

 

Buplero stellato (Bupleurum stellatum)

Saponaria nana (Saponaria pumilio)

 

 

Interessant l lezer che la prima specie la ga n'areale che va dalle Marittime alle Tridentine mentre l'areale della seconda, l'inizia a Est del corso dell'Adige per spinzerse fin alla Transilvania. Varda un po' le se g incontr propi chi come noaltri e le ama entrambi i terreni acidi (anca i do de sora iama iacidi) vist che parlemo de Lagorai terra de porfidi e lave permiane. Tra le rocce cresce abbondante il Senecio incanus L. subsp. carniolicus; anche el so areale orientale ma a partir dalla Lombardia:

 

Senecio carniolino (Senecio incanus L. subsp. carniolicus)

 

Etimologia: il nome del genere Senecio deriva dal latino senex = vecchio, con allusione ai vistosi pappi biancastri dei frutti (non visibili nella foto), mentre il nome specifico incanus dal latino canus = bianco-grigio fa riferimento all'apparato fogliare ricoperto di tomentosit.
Ma basta coi fioretti, nem fin al lago delle Buse per piantar le tende prima che riva la notte fonda.

 

 

 

El lac delle Buse l' post a domili metri de altezza in un'ampia conca. A Sud ghe la piramide del Ziolera coi so m.2478, a Est cominzia el Montalon che se slonga fin alla forcella omonima che dovarissimo razzunzer l'indoman. El posto l' silenzioso e passar la notte l dovaria, digo dovaria esser propi na bella esperienza.

Mentre i prodi laoradori i pianta le tende (do tende per star larghi o piuttost una per el Patauno chel russa come n'elefant bolso) mi ego sum, documento l'impresa e vardo de chi e di l, alla rizerca sempre del temp perso prima.

Caratteristica de sto lago l' la presenza abbondante de vegetazion acquatica e tale vegetazion la crea bei disegni talment bei che el fotografo vicentin Antonio Cunico nel domilisette el ga ciapa un terzo premio nella sezion BN dell'8 Concors "el Margin" de Compostela.

E mi che non son men de negun, g fotograf tuta la superficie del lago mq per mq:

 


 

Nel fratemp i do tendisti i brontolava e borbottava assecondad de malavogia le me perverse inclinazion:

 

 

 

Cossa noi ga vist su le rive del lach presi dalle necessit terrene e desmenteghi del soffio de vita divina che ne carateriza qualche rara volta, lontan dai pasti!

Ecco chi do bele specie de pennacchi, tipiche piante delle distese paludose e torbose, dei pradi umidi e tonsi d'acqua dove i ga piant le tende i do straloci de sora:

 

Erioforo (Eriophorum angustifolium)

Erioforo di Scheuchzer (Eriophorum scheuchzeri)

 

 

I do eriofori i se spart el lago, el primo numeroso nella parte a tramont e l'altro un po' men, in quella a matin.

Ma infin l' calada la sera e come tute le giovini marmote dopo un frugal pasto a base de risi liofilizai, gaven impiz el foc anca perch l'era un po' freschet.

 

 

Quant freschet? Mi diria quasi massa per esser alla fin de luio. In tenda me son mes anca la giaca a vent sora el sac, la bareta e forsi i guanti. Go av anca la tentazion de strinzerme stret a quel teron de M ma tra mi go dit: ti te piase le done, lu se non me sbaio l' pelos e el par propi n'om, dunque non l' el caso, resisti che prima o poi  spunta l'alba e la fadiga de la not insonne e giazada la finisse.

E fortunatament l' finida quela note umida e tut scass coi reumi me son alzado, me son mes in moviment per scaldar iossi e me son quasi riconosciudo nello specio d'acqua cheta del lago che ripropong in sta panoramica:

 

:

 

 

I cartei che segue i segna zirca 2 ore de camin per Forcela Valsorda ma ghe za qualcun che se lamenta del peso de lo zaino manco fusimo in russia!

 

 

Poi g punt la macchina laz in fond dove se vede posti noti allo sguardo e conosciudi in parte nelle caminade de sta vita.

E in mez ghe la Pala Bianca che ancor non lo savevo, gavria scal in solitaria (da intenderse senza quei do bruti de sora) nei primi de settembre. Analoga la giornata un ziel terso senza ombra de nuvole ma questa l n'altra storia.

I compagni de cordada i avanti, mi vago lent vardo curios a destra e manca. In fond che freta ghe, coremo sicurament in una direzion ma come dise na bela canzon, che senso abbia chi lo sa....osti me son pers nei pensieri.

Laz al centro vedo na montagna grossa, l' la cima delle Stellune (m.2605) una delle vette p alte del Lagorai:

 

 

 

Se vede un po' a sinistra la forcella di Val Moena che porta nella bella valle omonima e in secondo piano dovria vederse el Cimon delle Buse dall'Oro. L dedrio se razzunze la zona del Lago de Lagorai, de quel de Bombasel e anca quella dei Laghetti di Lagorai che nella vision pastoral de la gita dovria esser el prossim campo base. ma chi semo za nel mondo vegetale della cannabis de cui i fa incetta i compagni de sventura.

Ma intant camina e camina semo zunzudi alla Forcella de Montalon da cui se vede el lago anche quest omonimo come se dis, posto sul versante Sud, quel per intenderse de la Valsugana :

 

 

L intorno ghe resti de baraccament, i todeschi i presidiava i passi sbarando ai taliani che tentava inutilment de varcar i passi in zerca de gloria indotta; i p i trovava sol proiettili a zentrarli. Ma sta chi l' na storia assurda e dolorosa, meio conzentrarse sulla vegetazion e varda un po' chi appare?

 

Genziana delle nevi (Gentiana nivalis)

 

L' n'altra specie nova per l'ocio e l'obiettivo, alch a casa qualche tempo dopo preso dai dubbi del riconosciment mio e dela specie, mando l'immagine al Prosser de Roveredo esperto botanico chel me indica l, senza dubi, nome e cognome della genziana in question. E tut content zonto sto fior ai quattrozent classificadi che comunque i pochi, che la molticiplit delle specie vezetali la supera la fantasia.

Ma voltemose drio per dar n'ociada al percorso fato e risciarar la topografia sempre confusa dei monti e delle zime:

 

 

 

Non l'ho scrit ma el Mangheno l' situ in mez tra Ziolera e M.Croce che i sta ovviament su piani diversi, comunque nascost un po' a sinistra, l' da l che provenimo. Proseguendo lungo el camin de nostra gita, coi doi ormai irrimediabilmente persi a distanze diffizili da intender, me stupisco davanti a un par de papaveri retici; cossa ghe fali chi in mez ai porfidi sti fiori amanti dei giaroni calcarei! Ma, forsi i voleva farme na sorpresa e dirme marameo, crescemo anca dove ti non te pensi de trovarne; de cossa te voi esser sicur bigul!

P in l sulle rocce cresse el cerastio, mentre in piano, ghe el grup dei doronici che i splende nel sol e nell'ombra:

 

Cerastio unifloro (Cerastium uniflorum)

Doronico di Clusio (doronicum clusii)

 

 

Ma eccome riv in solitaria alla Forcella Valsorda (m.2256) dove el panoramio sulla Cima d'Asta l' magnifico:

 

 

 

Zento metri sot al pass ghe el Lag delle Buse basse, in realt un laget piciol. Saria bel percorre quei crinali querti de verde. Tornando un po' indrio zerco de capir dove i s' imboscadi i do compagnoni. Perch non i s' fermadi chi sulla sella a goder del panorama? Vali a capir. Poi vardando meio vedo doi che litiga mestament vizin a un gros sasso appena al de sora del Lag delle Stellune. Cossa i gavr da discuter? Mah i par fumadi.

 

 

 

E na volta razzunti go cap, Patauno el da forf coi pi che fuma e i bole nel stagnet, lo zaino con la tenda l' massa pesant per l e rivar fin al Cauriol cos carghi l' n'impresa improba. Anca mi go mal ai pei e gli effetti de sta camminada i se fara daver sentir fin alle porte dell'invern. Dannazion per sparmiar go compr scarponi massa stretti, brut insemenio che son!

Me met de mezo e ciapo paloraze da l'un e dall'altro. Bruta zent cativa e col pelo sul cor e anca sul cul anche se non fasen n'altra note in tenda, non tornen a casa, a tut se pol porghe rimedio.

Riciapen el campero e nem a dormir a Ziano. L'indoman salimo su verso el Cauriol per completar l'impresa da Est.

Mai fu saggia la decision dei veci, danao Piston! N'ociada al sentier che gavarissimo dov percorrere (da morti) con gli zaini pesanti rivela all'ocio bolso un percorso stret e pericoloso con bei buroni pronti a spetarne per un suicidio collettivo possibilment dopo l'assunzion de la particola dell'estrema unzion.

Me sa che el vecio Grassi che l un Highlander ossia l'ultimo cazzador immortal el gaveria trov iossi nostri tuti roti laz in fond alla vale domili ani dopo.

M zovine mato e sgorlo pien de energia e fritole (per la testa) perdona loro perch i parla e i parla, i promette con la boca imprese futuribili ma sempre p spess fantasiose.

 

 

Scrive R

M dannazion! Se non te meti el to nom sul campanel de Bulagna, le cartoline non le arriver mai a destinazion! Bigul che te sei!

 

< HOME >